Ottieni suggerimenti utili, scopri le best practices e rimani aggiornato sulle ultime notizieIl blog di Whistlelink

Direttiva UE sul whistleblowing: domande frequenti

häufig gestellten Fragen zur EU-Whistleblowing-Richtlinie.

Mancano solo sei mesi all’entrata in vigore della direttiva UE sul whistleblowing.

Per darvi risposte rapide e semplici, abbiamo compilato un elenco di domande più frequenti che riceviamo dalle aziende in merito alla direttiva. Per ulteriori informazioni, non esitate a contattarci.

Perché esiste una nuova direttiva UE sul whistleblowing?

Attualmente la protezione del segnalante nell’UE varia da Paese a Paese. L’UE ha messo in vigore la nuova direttiva nella speranza di creare un ambiente più equo e sicuro per le imprese e i cittadini di tutti gli Stati membri.

In che modo si spera di raggiungere questo obiettivo?

Basta una rapida occhiata al titolo completo della direttiva UE sul whistleblowing, ovvero “la protezione delle persone che segnalano violazioni delle leggi dell’Unione Europea” per comprenderecome si intende raggiungere questo obiettivo. In parole povere, l’UE vuole proteggere meglio i suoi cittadini quando si fanno avanti e segnalano attività sospette illecite.

L’UE impone a tutti gli Stati membri di adottare la propria versione della direttiva nella legislazione nazionale.

Perché l’UE vuole incoraggiare l’implementazione di tale direttiva?

Incoraggiare le persone a parlare apertamente può prevenire gravi conseguenze negative per l’Unione Europea e gli interessi del pubblico; cosa che potrebbe altrimenti accadere, qualora la violazione non venisse segnalata.

Quando entrerà in vigore la direttiva?

La direttiva sul whistleblowing (Direttiva (UE) 2019/1937) è entrata in vigore a dicembre 2019.

Gli Stati membri devono implementare tale direttiva nella legislazione nazionale entro il 17 dicembre 2021, includendo i requisiti minimi stabiliti dalla medesima.

Su chi ha un impatto tale direttiva?

Come abbiamo già detto, l’obiettivo della direttiva è quello di proteggere le persone che segnalano violazioni di leggi comunitarie. Quindi, ha un impatto su chiunque possa avere informazioni su una sospetta irregolarità.

Tuttavia, sono soprattutto le aziende con più di 50 dipendenti e i comuni con oltre 10.000 abitanti che dovranno implementare canali di segnalazione sicuri.

Cosa devono fare queste organizzazioni?

Le organizzazioni interessate devono fornire canali di segnalazione sicuri ed efficienti, al fine di consentire agli individui di segnalare condotte irregolari, rispondendo a diversi requisiti di legge.

Visitate la nostra pagina Get Compliant per maggiori dettagli sui canali di segnalazione e sui requisiti legali.

Che tipo di canale di segnalazione deve essere implementato?

La direttiva non definisce i requisiti esatti del canale di segnalazione, ma deve essere sicuro e garantire la riservatezza del segnalante. Le opzioni menzionate sono ad esempio una piattaforma online o un servizio telefonico.

Whistlelink è un esempio di piattaforma online. È nata per soddisfare i requisiti della direttiva e per essere uno strumento molto semplice da utilizzare per chi effettua la segnalazione e per i proprietari della piattaforma.

E se le organizzazioni non rispettano la conformità?

La direttiva europea sul whistleblowing non stabilisce sanzioni minime, ma richiede che le versioni nazionali della legge puniscano chi impedisca la segnalazione, violi la riservatezza o faccia ritorsione contro i segnalanti.

Avete ancora domande aperte?

Contattateci! Vorremmo conoscere la vostra opinione e aiutarvi a risolvere qualsiasi indagine in sospeso

Se hai qualche commento su questo articolo o desideri saperne di più su Whistlelink, comunicacelo.

Ti è piaciuto questo articolo?
Spargi la voce.

La Direttiva UE sul whistleblowing in breve

Arianna Tripodi, Whistlelink Territory Manager, Italia

Piattaforma Whistlelink
in italiano

Prova gratuitamente Whistlelink per un mese

La nuova
legge sul
whistleblowing law

WHISTLELINK BLOGCosa leggere dopo...

Indagine interna per presunta cattiva condotta  
Whistleblowing nel settore dei trasporti e della logistica 
6 consigli per creare una buona policy whistleblowing 

FELICE DI INCONTRARTI

Contattaci

Il nostro team sarà lieto di rispondere alle tue domande. Trova la risposta alle tue domande consultando il nostro centro assistenza o compila il modulo sottostante; ti contatteremo il prima possibile. Oppure chiamaci!

Parla con il Territory Manager
Arianna Tripodi

+39 3314022842