Ottieni suggerimenti utili, scopri le best practices e rimani aggiornato sulle ultime notizieIl blog di Whistlelink

L'UE rimprovera gli Stati membri per non aver protetto gli informatori 

protetto gli informatori

La Commissione europea rimprovera ben 26 paesi dei 27 Stati membri dell’UE per non aver rispettato le scadenze stabilite dalla Direttiva UE sul whistleblowing. Ciò dimostra un impegno piuttosto debole nel proteggere dalle ritorsioni le persone che hanno assistito a comportamenti scorretti 

Il Portogallo e la Svezia ricevono diffide formali per i ritardi 

Ogni mese, la Commissione Europea persegue un’azione legale contro gli Stati membri per il mancato rispetto degli obblighi previsti dal diritto dell’UE. Le decisioni di infrazione mirano a garantire la corretta applicazione del diritto dell’UE, a vantaggio sia dei privati che delle imprese. 

Se i paesi non rispettano la legge, può essere emessa una notifica formale. Questo è il primo passo di un processo in cinque fasi che può portare un paese a essere multato e costretto a rispettare la legge se non vengono prese le misure necessarie. 

Il 9 febbraio, la Commissione ha inviato una diffida formale al Portogallo e alla Svezia per aver deciso di posticipare la data di attuazione delle loro leggi nazionali sugli informatori. In Portogallo, la legge di recepimento entrerà in vigore il 19 giugno 2022, 180 giorni dopo la sua pubblicazione. In Svezia, l’attuazione di determinati requisiti è stata posticipata fino al 17 luglio 2022. 

Entrambi i paesi hanno rispettato la scadenza del 17 dicembre 2021 per il recepimento della direttiva UE nel diritto nazionale. 

24 Stati membri non proteggono gli informatori 

La direttiva dell’UE per una migliore protezione degli informatori è stata adottata più di due anni fa, nell’ottobre 2019. Il termine fissato per il recepimento della direttiva nella legislazione nazionale era il 17 dicembre 2021. Più di due anni dopo, nella maggior parte dei paesi dell’UE manca ancora una legislazione nazionale completa sul whistleblowing. 

Nel gennaio 2022, la Commissione europea ha inviato diffide formali a ben 24 paesi dell’UE, che non hanno rispettato la scadenza di dicembre. La Danimarca e la Lituania avevano entrambe approvato nuove leggi sul whistleblowing, tuttavia non sono entrate in vigore prima della scadenza. Da allora, anche Cipro, Francia, Lettonia e Italia hanno approvato nuove leggi. 

Ironia della sorte, solo Malta, che è considerata uno dei sistemi di protezione degli informatori più poveri in Europa, è riuscita a rispettare pienamente la Direttiva UE. Malta ha approvato una nuova legge sugli informatori il 16 novembre ed è entrata in vigore il 17 dicembre (insieme alla direttiva UE). La legge, tuttavia, è stata criticata per la mancanza di consultazione e l’esecuzione affrettata. 

La mancanza di protezione degli informatori negli Stati membri dell’UE ha delle conseguenze 

Finora, la Direttiva UE sulla protezione degli informatori non sta andando esattamente come sperato. Le poche leggi nazionali sugli informatori già in vigore sono state criticate per non aver incluso dettagli su come proteggere i dipendenti da ritorsioni o risarcirli per la perdita di salario e altre conseguenze negative. In Danimarca, ad esempio, la legge contiene criteri altamente soggettivi come la divulgazione “necessaria”, che potrebbe porre problemi ai testimoni. 

Dato che gli sviluppi di tutti i paesi sono piuttosto unici, l’apprendimento e la valutazione continui sono necessari affinché queste leggi realizzino il loro potenziale. Resta la domanda se i paesi membri dell’UE adotteranno un approccio serio alla protezione degli informatori. Il rinvio della legislazione permetterà di perseguire atti illeciti che minacciano la vita, il nostro pianeta o l’economia, tutto perché i potenziali informatori hanno troppa paura di parlare. 

Per saperne di più: dove i paesi sono in grado di adottare la direttiva dell’UE sulle segnalazioni di irregolarità 

Sei interessato a saperne di più sulla nostra piattaforma whistleblowing e sui canali di segnalazione interni sicuri? Scopri di più sulla Direttiva UE sul whistleblowing e sulla legge n.179/2017 .

Vorresti esplorare un sistema whistleblowing per la tua organizzazione?

Contattaci o prenota una demo gratuita!

Se hai qualche commento su questo articolo o desideri saperne di più su Whistlelink, comunicacelo.

Ti è piaciuto questo articolo?
Spargi la voce.

La Direttiva UE sul whistleblowing in breve

Arianna Tripodi, Whistlelink Territory Manager, Italia

Piattaforma Whistlelink
in italiano

Prova gratuitamente Whistlelink per un mese

La nuova
legge sul
whistleblowing law

WHISTLELINK BLOGCosa leggere dopo...

Indagine interna per presunta cattiva condotta  
Whistleblowing nel settore dei trasporti e della logistica 
6 consigli per creare una buona policy whistleblowing 

FELICE DI INCONTRARTI

Contattaci

Il nostro team sarà lieto di rispondere alle tue domande. Trova la risposta alle tue domande consultando il nostro centro assistenza o compila il modulo sottostante; ti contatteremo il prima possibile. Oppure chiamaci!

Parla con il Territory Manager
Arianna Tripodi

+39 3314022842